Leadbelly: il folk singer dall’animo blues e dalla “pancia di piombo”

Leadbelly

Leadbelly

Leadbelly come il piombo (lead) rimasto nella pancia (belly) e quindi come il proiettile che, a quanto pare, lo ferì e non fu mai estratto. Secondo altri, invece, la “pancia di piombo” era dovuta al suo fisico possente, oppure al fatto che bevesse moonshine (whisky distillato in casa) come se nulla fosse.

In ogni caso è questo il nome d’arte di Huddie William Ledbetter, folk singer nato il 20 gennaio 1888 a Mooringsport, Louisiana, e morto il 6 dicembre 1949 al Bellevue Hospital di New York a causa della SLA (sclerosi laterale amiotrofica).

Leadbelly era un polistrumentista: suonava chitarra a sei e a dodici corde, fisarmonica, mandolino, pianoforte e armonica.

La sua fu una carriera altalenante, dovuta anche ai frequenti guai con la giustizia. Spesso infatti è stato in galera per omicidio e aggressione, ma altrettanto spesso è riuscito a farsi rilasciare grazie alla sua musica e ai suoi estimatori, tra cui il grande etnomusicologo Alan Lomax.

Negli anni dieci il nostro è a Dallas e affina proprio lì un certo stile blues grazie a Blind Lemon Jefferson, differenziandosi tuttavia da quest’ultimo per arpeggi più pronunciati. Successivamente poi lavorerà anche con altri artisti come Woody Guthrie, Sonny Terry e Brownie McGhee.

Woody Guthrie e Leadbelly

Woody Guthrie e Leadbelly

Divenuto punto di riferimento per il folk revival, sarà ripreso tra gli altri dai Nirvana. Kurt Cobain e soci, infatti, il 18 novembre 1993 chiusero il loro MTV Unplugged in New York con Where Did You Sleep Last Night (della quale abbiamo parlato qui).

“Il suo repertorio era molto vario e comprendeva diversi tipi di brani tra cui delle ballate; di conseguenza la critica musicale, anche visto il successo che aveva ottenuto nell’ambito del folk revival, non lo ha mai considerato un vero bluesman, non valutando nella giusta misura le sue intense, coinvolgenti e a volte insuperate interpretazioni” (Mariano De Simone, Blues! Afroamericani: da schiavi a emarginati, p. 96, Arcana, 2012).

Informazioni su Leonardo Follieri

Collabora con Jam Viaggio Nella Musica e con Paper Street, scrive su Rock Oddity, dal 2007 scrive di musica per testate online/siti/blog, canta e suona la chitarra. Ha frequentato il Master in Giornalismo e Critica Musicale diretto da Ezio Guaitamacchi, è laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano con tesi in diritto d’autore.
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Leadbelly: il folk singer dall’animo blues e dalla “pancia di piombo”

  1. incostantericerca ha detto:

    Non lo conoscevo. Adesso mi hai fatto incuriosire

    • Leonardo Follieri ha detto:

      Bene! Mi fa piacere! Se ti interessa l’argomento, ti consiglio il documentario “A Vision Shared — A Tribute to Woody Guthrie and Leadbelly” (1988). Pete Seeger, Bruce Springsteen, Bono, Little Richard, Arlo Guthrie, Taj Mahal e molti altri parlano, come puoi capire anche dal titolo, sia di Woody Guthrie che di Leadbelly attraverso racconti e brani dei due. Il narratore è Robbie Robertson, chitarrista di The Band, gruppo della “svolta elettrica” di Bob Dylan. Magari un giorno ne parleremo anche qui!

  2. marzia ha detto:

    Salve, ignoravo persino l’esistenza di Leadbelly. Bela opportunità regalano gli spazi on line per imparare!

  3. marzia ha detto:

    Errata Corrige
    Bella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...