Happy Birthday Björk!

Una "coloratissima" Bjork

L’artista islandese compie 48 anni

Non ha ancora dodici anni nel 1977 quando l’islandese firma il suo esordio per un’etichetta di Rejkiavik; oggi Björk – in italiano letteralmente betulla  compie 48 anni ed è un’artista a tutto tondo che non ha più nulla da dimostrare al mondo e può tranquillamente sperimentare ogni più bizzarra idea che passa dalla sua (geniale) mente. 

Non è un facile mondo quello messo in piedi negli anni da questo grazioso elfo proveniente da quelle stesse terre che nell’ultimo ventennio hanno prodotto tanta bella musica (Sigur Rós e Múm in primis).

Il fascino nordico dell'artista islandese

Il fascino nordico dell’artista islandese

Il consiglio che possiamo dare a chi decide di avventurarsi in questo viaggio mistico e fantastico è quello di cominciare a procurarsi tre album molti importanti, che costituiscono la base essenziale da cui partire.

Il primo, in ordine cronologico, è l’esordio della sua seconda band (prima ha militato nella formazione post-punk Kukl). Il disco si intitola Life’s Too Good (One Little Indian, 1988) e porta per la prima volta una band islandese al centro dell’attenzione del panorama rock. Loro sono gli Sugarcubes e costituiscono una grande realtà di fine anni ’80; la loro musica è una new wave poetica, inquieta e originale nell’uso sapiente della tromba. 

"Debut" (One Little Indian, 1993)

“Debut” (One Little Indian, 1993)

Ovviamente il pregio più grande sta nella voce di Björk che affascina e ammalia con una naturalezza disarmante. Life’s Too Good è sotto tutti i punti di vista un vero masterpiece, tra le cose migliori di quegli anni (e ancor oggi non ha perso un briciolo di fascino).

Seconda opera immancabile non può che essere Debut (One Little Indian, 1993). Prodotto da Nedlee Hooper, l’esordio della giovane compositrice arriva dritto al No.3 delle classifiche UK grazie a singoli come Play Dead, Venus As A Boy, Like Someone In Love, mentre negli USA farà sempre molta fatica. Etno-jazz, pulsioni house, pop orchestrale in questa formula originale che piace e afferma Björk come artista raffinata e all’avanguardia. Forse rimane ad oggi il suo lavoro migliore.

gorgeousgorgeousgorgeous

Post (One Little Indian, 1995) è un altro bellissima tassello della  carriera, ricordato per brani memorabili e famosi come Hyper Ballad, Army Of Me e It’s All Oh So Quiet, interpretazione di un vecchio classico di Betty Hutton. Qui l’islandese continua la sua ricerca musicale con freschezza e originalità, tra trip-hop, – alla produzione ci sono anche Tricky, Howie B e Graham Massey degli 808′ State – Broadway, pop elettronico evocativo e cinematografico più gorgheggi e orchestrazioni di notevole impatto emotivo.

Passare per questi tre dischi è fondamentale per capire altri (pregevolissimi) lavori come Homogenic (One Little Indian, 1997), Medulla (One Little Indian, 2004) o l’ultimo ispirato Biophilia (One Little Indian/Universal, 2011).

"Biophilia" (One Little Indian/Universal, 2011)

“Biophilia” (One Little Indian/Universal, 2011)

Non vanno tralasciati altresì il remix di Post, Telegram (One Little Indian, 1996), e Selmasongs (One Little Indian, 2000), colonna sonora del film Dancer In The Dark di Lars Von Trier, di cui Björk è protagonista.

I suoi mirabolanti videoclip sono opere d’arte che vale la pena guardare perché sono uniche nel loro genere, ma se volete provare un’esperienza “sensoriale” e multimediale unica al mondo andate a un suo spettacolo: anche i più scettici non rimarranno delusi.

BJORK LIVE JOOLS HOLLAND

Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Happy Birthday Björk!

  1. sweetamber ha detto:

    Il suo ultimo lavoro è perfetto, senza sbavature; l’ho ascoltato tantissimo, nell’ultimo periodo. Ora mi avventurerò nell’ascolto degli altri album che tu consigli.

  2. shootanidea ha detto:

    Shhhhh….It’s so quiet this Birthday.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...