Gram Parsons, il “cowboy cosmico” inventore del country-rock

Gram Parsons, morto all'età di ventisei anni

Gram Parsons è morto all’età di ventisei anni

Gram Parsons, il musicista americano nato in Florida e trapiantato in California, a cui si può attribuire la paternità del country-rock, avrebbe compiuto oggi 67 anni. Per rendere omaggio alla sua memoria, ripercorriamo le tappe fondamentali di una carriera straordinaria, quanto (tragicamente) fulminea.

The International Submarine Band - "Safe At Home" (1968)

The International Submarine Band – “Safe At Home” (1968)

THE INTERNAIONAL SUBMARINE BAND – SAFE AT HOME (Sundazed, 1968)

Per alcuni è il primo disco country rock della storia. Il giovanissimo “cowboy cosmico” Parsons pesca alcune cover come I Still Miss Someone e Folsom Prison Blues/That’s All Right e pezzi country/western originali come Luxury Liner. L’unico disco della International Submarine Band è fondamentale per comprendere il percorso successivo di Gram Parsons. Ma il meglio deve ancora arrivare.

THE BYRDS – SWEETHEART OF THE RODEO (Columbia, 1968)

The Byrds - Sweetheart Of The Rodeo (Columbia, 19968)

The Byrds – Sweetheart Of The Rodeo (Columbia, 19968)

Rimasti senza Clark e Crosby, McGuinn e Hillman hanno dalla loro il geniale Gram Parsons. Svolta stilistica che spiazza i fan ma che rappresenta, a tutti gli effetti, una tappa fondamentale nella storia della musica americana. La pietra miliare di un genere. Tante cover (Dylan, Guthrie) e pezzi originali. Classic.

THE FLYING BURRITO BROTHERS  – GILDED PALACE OF SIN (A&M, 1969)

Flying Burrito Brothers - The Gilded palace Of Sin (A&M, 1969)

Flying Burrito Brothers – The Gilded palace Of Sin (A&M, 1969)

Insieme al Dylan di Nashville Skyline, è l’album che definisce una volta per tutte le coordinate stilistiche del country-rock, con un perfetto mix di vibre californiane, tradizione americana e R&B (straordinaria la cover di Aretha Franklin, Do Right Woman). Un capolavoro assoluto alla pari del seguito, Burrito Deluxe. Il secondo LP contiene una versione da pelle d’oca di Wild Horses; è in questo periodo infatti che Gram Parsons diventa grande amico di Keith Richards e il sound degli Stones ne viene parecchio influenzato.

GRAM PARSONS – GRIEVOUS ANGEL (Reprise, 1974)

Gram Parsons - Grievous Angel (Reprise, 1974)

Gram Parsons – Grievous Angel (Reprise, 1974)

Dopo il brillantissimo esordio solista GP (Reprise, 1973), il cantautore dà alla luce il suo canto del cigno, composto poco prima di morire  – quando esce, Gram è già morto per overdose a Joshua Tree – un capolavoro pieno di splendide e fumose ballate alla Hank Williams, arricchito dall’attitudine ribelle del rock ‘n’ roll. Splendidi i duetti con la bellissima Emmylou Harris: Hearts On Fire e Return Of The Grievous Angel in primis. Un capolavoro imperdibile.

Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...