21 ottobre 2003, USA. Muore (in circostanze misteriose) Elliott Smith

Elliott Smith

Elliott Smith

Sono trascorsi dieci anni esatti dalla scomparsa di Elliott Smith.

Cantautore di culto. Artista moderno e intimista. Sono cinque i suoi album pubblicati quando era in vita da Roman Candle (Cavity Search, 1994) a Figure 8 (DreamWorks, 2000). From A Basement On The Hill (ANTI-, 2004) è invece il suo sesto e ultimo disco uscito postumo.

Il grande pubblico inizia a conoscerlo meglio grazie a Miss Misery, colonna sonora del film Will Hunting – Genio ribelle di Gus Van Sant (1997). Per tale brano riceve anche una nomination all’Oscar (vinto poi da Céline Dion con My Heart Will Go On).

Aveva soltanto 34 anni il cantautore nato a Omaha, Nebraska, quando ci lasciò. E nonostante la sua vita sia stata caratterizzata da depressione, alcol e droghe, la sua morte rimane ancora avvolta nel mistero.

21 ottobre 2003, Silverlake, Los Angeles, California. La fidanzata di Elliott Smith, Jennifer Chiba, si chiude in bagno a seguito di un litigio con il cantautore, ma ad un certo punto sente un urlo proveniente dall’altra stanza ed esce. Elliott ha un coltello da cucina conficcato nel petto. Lei glielo estrae subito e chiama l’ambulanza… ma è troppo tardi. Nel frattempo poi la ragazza ritrova un post-it in cui si legge: “Che Dio mi perdoni. Mi dispiace. Con amore, Elliott”. Il suicidio è dunque l’ipotesi inizialmente accreditata, ma qualcosa non torna. C’è infatti chi pensa che Elliott Smith sia stato assassinato… e il caso rimane tuttora irrisolto…

Informazioni su Leonardo Follieri

Collabora con Jam Viaggio Nella Musica e con Paper Street, scrive su Rock Oddity, dal 2007 scrive di musica per testate online/siti/blog, canta e suona la chitarra. Ha frequentato il Master in Giornalismo e Critica Musicale diretto da Ezio Guaitamacchi, è laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano con tesi in diritto d’autore.
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...