NetAid: il primo maxi-evento in diretta su Internet

Londra, 9 ottobre 1999: David Bowie sul palco di Wembley per il NetAid

Londra, 9 ottobre 1999: David Bowie sul palco di Wembley per il NetAid

9 ottobre 1999, ore 18-5 (ora italiana): tre concerti a staffetta da Londra, Ginevra e New York. Undici ore di diretta per la prima volta dinanzi ad un computer. È infatti il primo vero maxi-evento che si può seguire in diretta tramite una connessione Internet: è il NetAid.

“Il collegamento telematico tiene decisamente bene, tanto quanto non si osava sperare”… – Una maratona di tre concerti, organizzata dall’Onu per la cancellazione del debito dei paesi poveri, descritta così da Gloria Pozzi sul Corriere della Sera del 10 ottobre 1999: «[…] L’audio è abbastanza buono, le immagini vanno un po’ a scatti e a volte risultano alquanto statiche, però non sono niente male, e il collegamento telematico tiene decisamente bene, tanto quanto non si osava sperare. Dalle 18 alle 5 del mattino (ora italiana) va in onda in diretta sulla rete informatica mondiale il mega evento antipovertà, organizzato dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo e trasmesso anche con esclusive radiofoniche (per l’Italia, Radio 105) e tivù, dal Wembley Stadium di Londra, dal Giants Stadium di New York e dal Palazzo Onu di Ginevra. Sui palchi David Bowie, Sting, George Michael, Puff Daddy, Eurythmics, Bryan Adams… E Bono, naturalmente, che del NetAid, nonché dell’azzeramento dei debiti dei Paesi del Terzo Mondo, è tra i più convinti sostenitori; e Zucchero, l’unico artista italiano coinvolto nell’operazione. NetAid non delude i navigatori della rete, amanti della musica e intrigati dallo scopo benefico: alla fine si conteranno un totale di 1 miliardo di “contatti” con il sito netaid.org che propone la maratona lunga 11 ore […]».

Un miliardo di “contatti” su Internet nel 1999? Possibile? – NetAid ha impiegato un network di oltre 1800 server dislocati in più di 90 Paesi e, in base ad una ricostruzione successiva fatta dall’NME, «il webcast non si sarebbe neppure avvicinato a 125.000 spettatori simultanei, la sua capacità massima». Il supplemento “Connected” del quotidiano britannico “The Daily Telegraph” riporta inoltre che in realtà i contatti del NetAid sono stati in tutto 40 milioni per un totale di circa due milioni e mezzo di spettatori (a tal proposito vedi Rockol).

Aprono gli Eurythmics. Poi George Michael, David Bowie e molti altri… – La maratona inizia alle ore 18 (17 a Londra) e i primi a suonare sono gli Eurythmics. Il duo si è ricostituito da poco tempo e dieci giorni più tardi pubblicherà Peace (BMG/RCA 1999).

Questi i palchi del NetAid con i relativi artisti coinvolti: Londra (Stadio di Wembley): Eurythmics, Catatonia, Corrs, George Michael, Bush, David Bowie, Bryan Adams, Stereophonics, Robbie Williams; Ginevra (Palazzo delle Nazioni): Texas, Ladysmith Black Mambazo, Des’ ree, Bryan Ferry, Michael Kamen, Orchestra di Ginevra. New York (Stadio Giants): Zucchero, Jewel, Counting Crows, Sheryl Crow, Mary J. Blige, Puff Daddy, Sting, Cheb Mami, Jimmy Page, Busta Rhymes, The Black Crowes, Wyclef Jean con Bono.

Ad evento concluso scrive sempre Gloria Pozzi sul Corriere della Sera: «A New York non sono ancora le 23 di sabato; in Italia sono già quasi le cinque di domenica mattina. Radio 105 finisce la diretta commentata dai suoi dj, contando ben 2 milioni di ascoltatori e un numero infinito di fax di protesta perché la gente ha notato che i tg nazionali hanno sorvolato sulla notizia del NetAid». Già. Il fax. Non c’erano ancora i social network…

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbero interessarti anche:

Il primo concerto rock a scopo benefico della storia 42 anni fa a New York

Cosa ci fanno Sting, Bruce Springsteen, Peter Gabriel, Tracy Chapman e Youssou N’Dour sullo stesso palco?

Informazioni su Leonardo Follieri

Collabora con Jam Viaggio Nella Musica e con Paper Street, scrive su Rock Oddity, dal 2007 scrive di musica per testate online/siti/blog, canta e suona la chitarra. Ha frequentato il Master in Giornalismo e Critica Musicale diretto da Ezio Guaitamacchi, è laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano con tesi in diritto d’autore.
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...