“Don’t Stand So Close To Me”. La scalata al successo dei Police

La copertina di "Zenyatta Mondatta", terzo LP dei Police

La copertina di “Zenyatta Mondatta”, terzo LP dei Police

E’ il 28 settembre del 1980 quando in Inghilterra il singolo dei Police Don’t Stand So Close To Me balza al No.1 delle classifiche. 

La canzone è tratta dal terzo lavoro della band, Zenyatta Mondatta (A&M, 1980), ritenuto il disco della maturità del terzetto, ove l’affiatamento dei  musicisti è ormai consolidato dalle prove precedenti, seppur con un’ispirazione lievemente in calo.

Il reggae-punk degli esordi lascia sempre più spazio a composizioni ricercate in cui Sting col tempo si troverà sempre più a suo agio, raggiungendo l’apice creativo in Synchronicity (A&M, 1983), il lavoro meno immediato dei Police, ma quello con il brano più famoso di tutto il catalogo, Every Breath You Take.

Zenyatta Mondatta è un lavoro di transizione, il million seller che li porterà in giro in un lunghissimo tour facendo diventare i Police un vero fenomeno mondiale, trainati da un altro grande singolo di successo che premierà la band con la prima posizione, De Do Do Do, De Da Da Da. 

E’ anche l’ultimo lavoro veramente “di gruppo” della loro carriera: da qui in avanti le tensioni tra Sting e il resto della band saliranno alle stelle, soprattutto con il batterista Stewart Copeland.

Riascoltando a più di trent’anni di distanza Zenyatta Mondatta e gli altri lavori dei Police, non possiamo che prendere atto di quanto stilisticamente molte indie-band odierne debbano al sound unico di Sting e soci. Un’influenza spesso sottovalutata e dimenticata.

Recentemente Sting ha pubblicato il suo ultimo album solista, The Last Ship (Cherrytree, Interscope, A&M, 2013), mentre Stewart Copeland ha lanciato una campagna di raccolta fondi su Kickstarter per realizzare il documentario Dare To Drum.

  

Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Don’t Stand So Close To Me”. La scalata al successo dei Police

  1. shootanidea ha detto:

    E pensare che all’inzio i Police non erano nemmeno ben voluti in ambito musicale, consideravano la loro musica troppo sciatta e banale.

  2. giancarlo gasperoni ha detto:

    Forse i POLICE furono più avanti dello STING stesso venuto dopo poiche,nonostante abbia composto album bellissimi e memorabili, si rifaceva,in fondo,al jazz classico,mentre,il gruppo
    del suo esordio produsse veramente un suono del tutto nuovo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...