Dalla morte di Bon Scott al vertice delle classifiche: il folgorante “Back In Black” degli AC/DC

Il million seller degli AC/DC: “Back In Black”

E’ il 18 febbraio 1980 quando il corpo senza vita di Bon Scott – frontman degli AC/DC – viene ritrovato in un vicolo di Londra, in una Renault 4. Intossicazione da alcol e droga dicono; ma il mistero della sua scomparsa rimane ancora oggi permeato da una fitta nebbia di dubbi e perplessità. Pare infatti che Scott quella sera abbia bevuto solo tre birre, secondo l’autopsia. Lì per lì la morte del cantante – come troppo spesso è successo nella storia del rock – viene archiviata troppo velocemente.

Perso il carisma trascinante di Scott, gli AC/DC non si danno comunque per vinti e assumono il rude Brian Johnson, ex cantante dei Geordie.

Era difficile ripetere i fasti del precedente capolavoro Highway To Hell (Atlantic, 1979) ma la band dei fratelli Young riesce nell’impresa. Lo stile, caratterizzato da un ruvido hard-blues sanguigno e senza fronzoli, rimane immutato. L’ispirazione è ancora al top. 

Rintocchi di campana a morto introducono Back In Black (Altantic, 1980), il million seller degli AC/DC. Hells Bells, You Shook Me All Night Long, e la title-track trascinano l’album – dedicato al compianto Bon Scott – ai vertici delle classifiche. E’ proprio il 9 agosto del 1980 quando raggiunge la prima posizione della chart UK, ma non è ancora niente, se paragonato a quello che accadrà poi: Back In Black venderà la cifra spaventosa di 30 milioni di copie in tutto il mondo, garantendo agli AC/DC il ruolo di band hard ‘n’ heavy più popolare del pianeta.

Questa è la classifica dei dischi più venduti di sempre, redatta dal New Yorker. Al nono posto troviamo proprio Back In Black:

1. Michael Jackson, “Thriller”: 66,200,000
2. Soundtrack, “Grease”: 44,700,000
3. Pink Floyd, “The Dark Side of the Moon”: 44,200,000
4. Whitney Houston et al., “The Bodyguard”: 38,600,000
5. The Bee Gees at al., “Saturday Night Fever”: 37,200,000
6. The Eagles, “Their Greatest Hits 1971-1975”: 36,900,000
7. Bob Marley, “Legend”: 36,800,000
8. Led Zeppelin, “IV”: 35,700,000
9. AC/DC, “Back in Black”: 35,700,000
10. Shania Twain, “Come on Over”: 35,400,000
11. Michael Jackson, “Bad”: 34,700,000
12. Soundtrack, “Dirty Dancing”: 33,300,000
13. Dire Straits, “Brothers in Arms”: 33,200,000
14. Alanis Morissette, “Jagged Little Pill”: 33,200,000
15. Fleetwood Mac, “Rumours”: 33,000,000
16. The Beatles, “1”: 32,400,000
17. Pink Floyd, “The Wall”: 31,900,000
18. ABBA, “Gold”: 31,400,000
19. Guns N’ Roses, “Appetite for Destruction”: 30,800,000
20. Simon & Garfunkel, “Greatest Hits”: 30,700,000
21. Queen, “Greatest Hits”: 30,600,000
22. Celine Dion, “Let’s Talk About Love”: 30,300,000
23. Michael Jackson, “Dangerous”: 30,200,000
24. Celine Dion, “Falling into You”: 30,200,000
25. The Eagles, “Hotel California”: 30,000,000
26. Bruce Springsteen, “Born in the U.S.A.”: 29,100,000
27. Metallica, “Metallica”: 28,900,000
28. Meat Loaf, “Bat Out of Hell”: 28,700,000
29. Soundtrack, “Titanic”: 28,500,000
30. The Beatles, “Abbey Road”: 28,300,000

Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Dalla morte di Bon Scott al vertice delle classifiche: il folgorante “Back In Black” degli AC/DC

  1. Pingback: (Non solo) AC/DC: compleanno di Brian Johnson | Rock Oddity

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...