Il primo concerto rock a scopo benefico della storia 42 anni fa a New York

"George Harrison And Friends", così recitava la locandina

“George Harrison And Friends” recitava la locandina

1971, Asia. Una sanguinosa guerra di secessione tra Pakistani dell’Est (con l’appoggio dell’India) e Pakistani dell’Ovest dà origine a quello che oggi chiamiamo Bangladesh indipendente.

Da dove nasce questo conflitto?

Nel 1970 un ciclone devasta tutta la regione orientale del Pakistan. Il governo centrale – dove i bengalesi sono scarsamente rappresentati – non aiuta la popolazione come dovrebbe e reagisce in maniera assolutamente insufficiente. La collera raggiunge l’apice quando al vincitore delle elezioni dello stesso anno – Sheikh Mujibur Rahman della Lega Popolare bengalese – viene negata la possibilità di governare. Il presidente uscente Yahya Khan lo fa addirittura arrestare e nel marzo del ’71 lancia la sanguinosa operazione Searchlight, usando dei metodi violentissimi sui civili. Dieci milioni di persone fuggono nella vicina India e un numero imprecisato di innocenti muore (si parla di 2-3 milioni di vittime).

Nel giugno dello stesso anno, il musicista Ravi Shankar racconta all’amico George Harrison la situazione. Il musicista a sua volta prende di petto la questione e decide di organizzare un evento a favore del popolo bengalese.

George Harrison e Bob Dylan sul palco del Madison Square garden

George Harrison e Bob Dylan sul palco del Madison Square Garden

Il 1° agosto del 1971 al Madison Square Garden di New York va così in scena il primo concerto rock “benefico” della storia, The Concert for Bangladesh. Vengono contattati Paul McCartney e John Lennon, i quali però rifiutano. All’evento comunque partecipano lo stesso George Harrison (che ovviamente si prende gran parte della scena), Ravi Shankar, Eric Clapton, i Dominos, Ringo Starr, Billy Preston, Leon Russel, Jim Keltner, Jesse Ed Davis e i Badfinger. All’ultimo minuto Harrison riesce a portare sul palco anche Bob Dylan.

Ne viene prodotto – sotto la guida di Phil Spector –  un film/concerto e un LP di tre facciate e sarà un successo straordinario. Il corposo ricavato, ovviamente, è donato alla popolazione a ai rifugiati bengalesi. Questa è la tracklist:

LP 1
George Harrison/Ravi Shankar introduction – 5:19
Bangla Dhun (Ravi Shankar) – 16:40
Wah-Wah – 3:30
My Sweet Lord – 4:36
Awaiting on You All – 3:00
That’s The Way God Planned It (Billy Preston) – 4:20
LP 2
It Don’t Come Easy (Ringo Starr) – 2:38
Beware of Darkness – 3:26 (George Harrison e Leon Russell)
Band introduction – 2:39
While My Guitar Gently Weeps – 4:53
Medley: Jumpin’ Jack Flash / Young Blood (Leon Russell, Leon Russell e Don Preston)- 9:27
Here Comes the Sun – 2:59
LP 3
A Hard Rain’s A-Gonna Fall (Bob Dylan) – 5:44
It Takes a Lot to Laugh, It Takes a Train to Cry (Bob Dylan) – 3:07
Blowin’ in the Wind (Bob Dylan) – 4:07
Mr. Tambourine Man (Bob Dylan) – 4:45
Just Like a Woman (Bob Dylan) – 4:49
Something – 3:42
Bangla-Desh – 4:55

La ristampa del 2005 contiene un artwork differente, divide l’album in 2 cd e vanta un inedito: Love Minus Zero/No Limit, eseguita da Bob Dylan durante il concerto pomeridiano.

Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il primo concerto rock a scopo benefico della storia 42 anni fa a New York

  1. Pingback: NetAid: il primo maxi-evento in diretta su Internet | Rock Oddity

  2. Pingback: Bob Dylan: una lunga attesa, un “cambio temporaneo” e un grande ritorno | Rock Oddity

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...