25 luglio 1965, Newport Folk Festival. Bob Dylan “diventa rock” e viene fischiato

Bob Dylan al Newport Folk Festival del 1965 per la prima volta dal vivo con la sua chitarra elettrica

Bob Dylan al Newport Folk Festival del 1965 per la prima volta in “versione elettrica”

Il menestrello di Duluth sceglie una dimensione elettrica per il suo set al Newport Folk Festival del 1965. Per questo motivo i suoi amici e il pubblico lo considerano un traditore…

Si tiene già da sei anni a questa parte il Newport Folk Festival presso Newport, Rhode Island. Qui in genere si esibiscono gli artisti del folk revival, coloro cioè che tramite la musica folk e l’impegno politico cercano di rivitalizzare la musica delle origini. Tra i nomi di spicco figurano sempre (o quasi) Peter, Paul & Mary, Joan Baez, Pete Seeger e Phil Ochs, ma anche quest’anno uno dei protagonisti più attesi è il giovane 24enne Bob Dylan.

Ha incontrato i Beatles, i Byrds hanno raggiunto la prima posizione in classifica con la sua Mr. Tambourine Man incisa in chiave folk-rock, lui sta registrando il suo nuovo disco, Highway 61 Revisited, e intanto cinque giorni prima di tale Festival è uscito già il suo primo singolo “elettrico” Like A Rolling Stone. Sono questi i primi segnali di un “tradimento” ormai imminente.

Torniamo però a oggi, 25 luglio 1965. Bob Dylan si prepara a salire sul palco del Newport con una Fender Stratocaster sunburst al posto della Martin acustica. Appena parte Maggie’s Farm non c’è più nulla da fare. Il menestrello di Duluth ha tradito tutti con la sua voglia di rock per nulla celata. In particolare sono risentiti i suoi amici del folk revival, da Pete Seeger a Peter Yarrow di Peter, Paul & Mary, ma anche il pubblico non sembra apprezzare. Alla fine del set elettrico con la band capeggiata da Michael Bloomfield alla chitarra e Al Kooper all’organo, Bob Dylan viene convinto da Peter Yarrow a tornare sul palco.  Mr. Tambourine ManIt’s All Over Now e Baby Blue eseguite solo con chitarra acustica e armonica mettono tutti d’accordo.

Seguirà un tour inglese molto discusso, in quanto “elettrico”. I puristi saranno quelli che al menestrello di Duluth urleranno addirittura “Giuda!” durante i concerti, come si vede anche in No Direction Home, film documentario del 2005 diretto da Martin Scorsese.

Noi, invece, ci andiamo a vedere un altro documentario diretto da Murray Lerner. La pellicola si intitola The Other Side of the Mirror: Bob Dylan at the Newport Folk Festival e racchiude le apparizioni dello stesso Bob Dylan al Newport Folk Festival negli anni 1963, 1964 e 1965.

“How does it feel…”

Informazioni su Leonardo Follieri

Collabora con Jam Viaggio Nella Musica e con Paper Street, scrive su Rock Oddity, dal 2007 scrive di musica per testate online/siti/blog, canta e suona la chitarra. Ha frequentato il Master in Giornalismo e Critica Musicale diretto da Ezio Guaitamacchi, è laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano con tesi in diritto d’autore.
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a 25 luglio 1965, Newport Folk Festival. Bob Dylan “diventa rock” e viene fischiato

  1. Pingback: Bob Dylan: una lunga attesa, un “cambio temporaneo” e un grande ritorno | Rock Oddity

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...