15 luglio 1972, Londra. Celebre live di Iggy And The Stooges

Iggy And The Stooges - copertina di "Raw Power" (la foto fu scattata da Mick Rock durante il live del 15 luglio 1972 a Londra)

Iggy And The Stooges – copertina di “Raw Power” (la foto fu scattata da Mick Rock durante il live del 15 luglio 1972 a Londra)

Lo scorso 4 luglio hanno suonato all’Ippodromo delle Capannelle di Roma, l’11 all’Ippodromo del Galoppo di Milano. Loro sono Iggy And The Stooges. Noi però qui vogliamo provare a fare un passo indietro e tornare a più di quarant’anni fa. Vogliamo infatti  “rivivere” il concerto della band del 15 luglio 1972 a La Scala di Londra, grazie alla testimonianza del celebre fotografo Mick Rock, il quale, a proposito di Iggy Pop, ricorda: “Iggy era primitivo, fisico, ti scavava dentro, forse perché dava l’impressione di essere sempre a un passo dall’autodistruzione”.

15 luglio 1972, Londra. Iggy And The Stooges si esibiscono a Londra presso La Scala. “Il locale, inizialmente concepito come cinema, venne utilizzato come fabbrica per produrre pezzi di aerei militari durante la prima guerra mondiale e tornò alla sua funzione originaria una volta finito il conflitto bellico. Agli inizi degli anni Settanta, per un breve periodo, arrivò persino a proiettare film per adulti, per poi trasformarsi in un locale notturno e per concerti […]. A causa degli schiamazzi, il locale fu costretto a chiudere dopo una petizione di alcuni residenti, per poi venire riaperto a fasi alterne. Dal 1999 ha riaperto definitivamente in grande stile e oggi è un club alternativo su più piani, con tre bar e uno spazio per ballare. Ha avuto in cartellone nomi importanti come Foo Fighters, Coldplay, Moby e i mai dimenticati Hanoi Rocks” (Francesca Fabi – Londra, Le guide rock, Arcana, 2012).

In tale posto, dicevamo, Iggy And The Stooges tengono un concerto tra i più importanti della loro carriera. Il celebre fotografo Mick Rock (David Bowie, Lou Reed, Sex Pistols, Ramones, Talking Heads ecc. ecc.) era presente a quel live, come racconta nel libro di Mark Paytress Io c’ero – I più grandi show della storia rock e pop (Giunti, 2007): “[…] A Londra non avevamo mai visto niente di simile. C’era in lui un’aura di minaccia, qualcosa di ingabbiato e rabbioso, qualcosa che gocciolava dalle profondità della nostra psiche. Teniamo a mente che tutto ciò accadeva diversi anni prima dei Sex Pistols. Ci saranno state 3-4000 persone, tutte sedute, e il concerto fu breve, direi non più di 40 minuti. Ma il pubblico restò di sasso, cercando di capire cosa cazzo fosse quello spettacolo demente che li lasciava ammutoliti e comunicava un senso di vera e propria minaccia. Per quanto mi riguardava, avevo visto qualcosa di simile solo a un concerto dei Pink Floyd prima che diventassero famosi. Era un tipo di arte che t’insegnava a vedere, e a percepire, il mondo in un modo diverso”.

Dice sempre Mick Rock: “Ancora oggi Iggy è l’incarnazione del punk. Johnny Rotten era un maestro d’ironia, era tutto di testa. Iggy invece era primitivo, fisico, ti scavava dentro, forse perché dava l’impressione di essere sempre a un passo dall’autodistruzione. Anche visivamente comunicava una sessualità dirompente, la stessa di Jim Morrison. Ma Iggy andava molto oltre Morrison, e anche molto oltre Jagger. Con Mick non avevi mai la sensazione che potesse davvero bruciarsi […].

Il glam aveva a che fare con i lustrini e il punk con lo sporco. I pantaloni e i capelli argentati di Iggy erano il perfetto simbolo sia del glam sia del punk. Si trattò di uno spettacolo unico sotto molti punti di vista e non solo perché fu l’unico concerto degli Stooges a Londra. Solo oggi cominciamo a capirne l’importanza”.

Nel 1972 Iggy Pop aveva già conosciuto David Bowie, in quel periodo all’apice del successo con Ziggy Stardust. Dall’incontro tra i due nascerà una grande amicizia, oltre che Raw Power (Columbia, 1973), ultimo album di inediti degli Stooges prima dello scioglimento del 1974. La copertina del disco è uno scatto di Mick Rock effettuato proprio durante il concerto di Londra che abbiamo voluto ricordare qui.

Iggy Pop continuerà poi la sua carriera solista, mentre gli Stooges si riuniranno nel 2003, sempre con lui alla voce, e pubblicheranno successivamente due album di inediti: The Weirdness (Virgin, 2007) e Ready To Die (Fat Possum, 2013). In conclusione ci andiamo a vedere Iggy And The Stooges al Rock In Idrho (MI) nel 2011. No Fun… buon ascolto…

Informazioni su Leonardo Follieri

Collabora con Jam Viaggio Nella Musica e con Paper Street, scrive su Rock Oddity, dal 2007 scrive di musica per testate online/siti/blog, canta e suona la chitarra. Ha frequentato il Master in Giornalismo e Critica Musicale diretto da Ezio Guaitamacchi, è laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano con tesi in diritto d’autore.
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...