9 luglio 1988, Chicago. Primo concerto degli Smashing Pumpkins

Smashing Pumpkins nella formazione "classica". Da sinistra verso destra: Jimmy Chamberlin, James Iha, Billy Corgan e D'Arcy Wretzky

Smashing Pumpkins nella formazione “classica”. Da sinistra verso destra: Jimmy Chamberlin, James Iha, Billy Corgan e D’Arcy Wretzky

Oggi debutta dal vivo un nuovo gruppo: gli Smashing Pumpkins. La band è pronta per il suo primo live al Twenty One, bar polacco di Chicago. Sul palco sono solo in due: Billy Corgan al basso e alla drum machine e James Iha alla chitarra. Gli spettatori pare che invece siano un po’ di più: tredici… compresi i membri del gruppo spalla che si è esibito poco fa.

Solo qualche settimana più tardi arrivano D’Arcy Wretzky al basso e Jimmy Chamberlin alla batteria. Billy Corgan passa alla chitarra e alla voce.

Dopo alcuni anni esce il primo album. Viene pubblicato infatti nel 1991 Gish, disco d’esordio della band, prodotto da Butch Vig (Nevermind dei Nirvana ma non solo) e dal medesimo Billy Corgan. La storia proseguirà per alcuni anni, si interromperà e poi riprenderà. Billy Corgan adesso è l’unico membro originario rimasto nel gruppo.

Infine, ci andiamo a vedere un concerto che segna anche il debutto televisivo degli Smashing Pumpkins. 19 novembre 1988, Roselle (Illinois). La band si esibisce a Pulse Basement Jam, programma della tv via cavo. Audio e video di ottima qualità… e non sembrano nemmeno gli Smashing Pumpkins… Una vera chicca.

Informazioni su Leonardo Follieri

Collabora con Jam Viaggio Nella Musica e con Paper Street, scrive su Rock Oddity, dal 2007 scrive di musica per testate online/siti/blog, canta e suona la chitarra. Ha frequentato il Master in Giornalismo e Critica Musicale diretto da Ezio Guaitamacchi, è laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano con tesi in diritto d’autore.
Questa voce è stata pubblicata in Anniversari e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a 9 luglio 1988, Chicago. Primo concerto degli Smashing Pumpkins

  1. Pingback: “Mellon Collie And The Infinite Sadness”, il “The Wall” della Generazione X? | Rock Oddity

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...